30 Jahre / 30 anni DROGENPRÄVENTION
PREVENZIONE all'uso di DROGA

1987 - 2017
 

Sono diventato un alcolista a 12 anni

Dipendente dalla bottiglia
Nell'Unione Europea, l'alcol è la causa di morte più frequente tra i giovani di sesso maschile. La mia triste storia sia di monito, affinché a voi non accada.

- Für LeseseiteNon avevo neanche dodici anni quando ho preso la mia prima sbornia. Mi avevano permesso di aiutare durante una festa estiva, lavavo i bicchieri e pulivo i tavoli. E osservavo gli adulti che tracannavano birra e altre bevande alcoliche. Nascosto dietro al bancone, perciò, ho provato a bere anche io sorsi di birra, vino e altre cose. A un certo punto non sono più riuscito a reggermi in piedi e mia madre mi ha accompagnato a casa di peso. Questa sbronza è stato l'inizio della mia devastante carriera nel campo delle droghe.

Nei mesi seguenti ho iniziato a bere di nascosto. Sempre più spesso, sgattaiolavo di notte in cantina e mi servivo dalla botte di vino di mio padre. Il lavoro estivo dell'estate seguente in un'osteria non ha che favorito il mio consumo di alcolici.

A 14 anni sono diventato apprendista e ho cominciato a frequentare la scuola professionale. Dopo le lezioni mi fermavo sempre al chiosco a comprare un litro di vino che bevevo per strada.

A 15 anni, il vizio del bere aveva preso il sopravvento. Non c'era weekend in cui non fossi ubriaco. Bevevo per essere parte del gruppo e perché l'alcol lavava via i problemi. Più bevevo, meglio mi sentivo. Il mio complesso di inferiorità, il timore di fallire e le difficoltà relazionali sparivano in un attimo.
Vi do un consiglio: se avete problemi e paure, non beveteci sopra, ma parlatene con qualcuno!

9Il tempo passava e io bevevo quotidianamente litri su litri. Ho iniziato con il vino e la birra per passare, infine, ai superalcolici. Anche sul lavoro. Ero cliente fisso di alcuni locali e noto ubriacone della zona. Nascondevo l'alcol in luoghi diversi, in modo da avere sempre scorte a disposizione per i weekend o le sere. In questo periodo mi allenavo in palestra ed emulavo il bodybuilder Arnold Schwarzenegger. Ma mentre i miei compagni, durante e dopo l'allenamento, sorseggiavano acqua, io ingollavo alcol, danneggiando profondamente la mia salute. Scommettevo persino con gli amici che sarei riuscito a bere un litro di vino, prima che l'ascensore mi portasse al terzo piano. Naturalmente vincevo. All'epoca ne andavo fiero, oggi me ne vergogno.

Il tempo passava e, desiderando potenziare gli effetti, ho cominciato a preparare e ad assumere cocktail di alcol, droghe e farmaci. Una volta ho persino bevuto alcol puro al 98% che mi ha quasi dilaniato lo stomaco.

In tutta la mia carriera di alcolista posso dire di aver bevuto senza dubbio alcune migliaia di litri di birra, vino e superalcolici. Se sono ancora in vita, è un miracolo.

Le conseguenze delle mie dipendenze